Meteo: PROSSIMI GIORNI con alcune minacce. A rischio anche il WEEKEND

Situazione generale

L’alta pressione comincia sentire sempre di più l’ingerenza delle correnti atlantiche , le quali, nel corso di questa settimana, sono riuscite in qualche modo a pilotare due fronti perturbati che hanno colpito essenzialmente il Nord Italia.

Se ne va la seconda perturbazione, ma…

La seconda perturbazione transitata ieri, abbonderà l’Italia molto velocemente ma riuscirà a portare ancora qualche disturbo nella giornata di oggi sul alcune aree interne del Centro Sud segnatamente su Umbria, Abruzzo e Campania. Su queste regioni avremo parecchie nubi e qualche occasionale piovasco. Nubi irregolari saranno comunque presenti altrove, mentre, sulle regioni settentrionali, tornerà gradualmente il bel tempo.





Weekend diviso in due

Nella giornata di Sabato, l’alta pressione, tornerà moderatamente ad aumentare su tutto il territorio italiano garantendoci un inizio di weekend tutto sommato buono su tutto lo Stivale. Discorso diverso invece per la giornata di Domenica. E’ infatti atteso un rinforzo dei venti occidentali e dunque masse d’aria più umida che porteranno un generale aumento delle nubi principalmente sulle regioni centrali e settentrionali. Nel corso della giornata, saranno ancora possibili deboli piogge sparse, le quali, potranno temporaneamente cadere sulla Liguria, sul Friuli Venezia Giulia ma anche su parte del Centro segnatamente su alta Toscana, Umbria e Lazio orientale.

Il Sud invece, godrà di una domenica abbastanza soleggiata a parte un po’ di nubi in arrivo fra il tardo pomeriggio e la sera sulla Campania e sul nord della Sicilia.

Come si comporteranno le temperature

Dal punto di vista delle temperature, oggi continuerà a fare piuttosto caldo sul medio e basso Adriatico e al Sud specie sui settori est della Sicilia. Qualche locale aumento è atteso al Nord. Nel fine settimana, le temperature, non faranno registrare variazioni di nota al più una lieve flessione nei valori massimi Domenica al Centro Nord a causa della maggior presenza di nubi.

Stefano Ghetti