Statistiche web
22 Luglio 2024
Meteo ItaliaMeteo prossimi giorniMeteo temperatureNotizie Meteo

Meteo TEMPERATURE: Arriva un po’ di caldo, con l’Anticiclone africano

Un cari saluto a tutti!
Dopo una lunga fase caratterizzata da correnti oceaniche instabili che hanno mantenuto un clima relativamente fresco, sembra che ci troviamo sull’orlo di un significativo cambiamento atmosferico.
La ragione di questa imminente mutazione del tempo è l’avanzata verso il Mediterraneo di un robusto promontorio anticiclonico di matrice africana. Nei prossimi giorni, è previsto che quest’anticiclone soppianti le correnti atlantiche, determinando così un contesto meteorologico più stabile e gradatamente più caldo.
Ci apprestiamo quindi a vivere un importante cambiamento, che segnerà l’entrata in una fase decisamente più temperata e piacevole della stagione.
Ma ci si chiede: quando sarà opportuno riporre nel guardaroba i capi più pesanti a favore di vestiario più adatto alla bella stagione? La risposta è: assai presto! A partire da martedì 12 marzo, infatti, le temperature si prevede che comincino a registrare un incremento sensibile, specie nel nord e in alcune zone del centro del Paese, dove si attendono valori massimi che sfioreranno i 16/18°C in diverse città.
Il processo di riscaldamento atmosferico guadagnerà ulteriore forza da mercoledì 13, con un’ascesa più marcata delle temperature su scala nazionale. Si stima che, giorno dopo giorno, si assisterà a un’escalation termica che potrebbe portare i termometri a toccare e superare i 21/22°C in certe località meridionali, con un occhio di riguardo verso la Sicilia.
Non da meno, anche le città del centro come Firenze, e alcune zone della Valle Padana, tra cui Milano e Bologna, vedranno avvicinarsi le temperature a quota 19/20°C.
Se queste previsioni si avvereranno, è lecito aspettarsi che questo mite contesto perduri per l’intero arco del prossimo fine settimana e, con una buona dose di probabilità, anche con gli inizi della prossima settimana.
Tuttavia, è fondamentale mantenere un approccio cauto: ricordiamo di trovarci nella seconda metà di marzo, un periodo che, nonostante l’incipiente tepore, può ancora riservare sorprese e repentine inversioni di tendenza climatica.